Gibberellina CifoRegistrazione scaduta
NUFARM - growth-regulator
5581

DOSI E MODALITA’ D’IMPIEGO
Pero:
a) per favorire l’allegagione: trattare quando il 20 - 40% dei fiori è aperto con 1,5 pastiglie per 100 litri d’acqua (per frutteti specializzati impiegare 6 – 8 pastiglie ad ettaro).
b) per contrastare i danni delle gelate trattare subito dopo l’avvento del freddo e non oltre le 48 ore con 1 – 2 pastiglie per 100 litri d’acqua. Dosi eccessive possono modificare l’aspetto dei frutti e ridurre la fioritura dell’anno successivo mentre trattamenti tardivi inducono un eccessivo sviluppo della parte fogliare.
Vite: in epoche diverse, con 1 – 3 pastiglie per 100 litri d’acqua a seconda del risultato che si vuole ottenere.
- contro l’acinellatura: trattare al termine della fioritura;
- per ottenere acini apireni ed aumentare la precocità: intervenire dall’inizio alla piena fioritura;
- per allungare il grappolo e renderlo spargolo: applicare il prodotto 6 – 10 giorni prima della fioritura.
Arancio, limone, clementino: per ottenere buccia liscia e ritardare la maturazione, trattare all’invaiatura con 0,5 – 1 pastiglia per 100 litri d’acqua.
Ciliegio: per sostenere i frutti allegati, intervenire da fine fioritura alla dose di 1 – 2 pastiglie per 100 litri d’acqua, ripetendo 2 – 3 volte a distanza di 8 – 10 giorni.
Patata da seme: per favorire il germogliamento del tubero-seme, intervenire prima della messa a dimora:
- 1 pastiglia ogni 1000 litri d’acqua su tuberi tagliati;
- 5 pastiglie ogni 1000 litri d’acqua su tuberi interi.
Effettuare saggi preliminari su pochi tuberi prima della messa a dimora per verificare la selettività varietale.
Carciofo: per ottenere capolini compatti e con gambo lungo e per favorire l’anticipo della raccolta e l’allungamento di questo periodo, trattare:
a) colture di primo anno, 25 giorni prima della raccolta con 1 pastiglia per 100 litri d’acqua.
b) colture di oltre un anno trattare entro la sesta foglia con 3 – 5 pastiglie per 100 litri d’acqua.

Fitotossicità: il grande numero di varietà per le diverse specie vegetali rende impossibile una trattazione specifica; si consigliano le prove preventive. Il prodotto può indurre deformazioni indesiderate sui frutti del pero. La forzatura chimica rende le colture maggiormente sensibili alle improvvise variazioni climatiche.

Cropsbbchnorma registrataIntervallo pre-raccolto
Arance0 - 00 - 020
Carciofi0 - 00 - 020
Ciliegie0 - 00 - 020
Clementine0 - 00 - 020
Limoni0 - 00 - 020
Patate0 - 00 - 020
Pere0 - 00 - 020
Uva0 - 00 - 020