Marciume bianco
Coniella diplodiella

Questa malattia può essere una delle più dannose per le cipolle. I primi sintomi comprendono ingiallimento, avvizzimento e caduta delle foglie più vecchie. Mano a mano che il fungo invade il sistema radicale e la regione basale, genera un marciume che provoca alla fine il cedimento del fogliame. Un marciume molle si sviluppa progressivamente nel bulbo e una spessa escrescenza micellare bianca compare alla base del bulbo. Numerosi sclerozi di formano sul tessuti malati. Questa malattia colpisce più spesso gruppi di piante largamente distanziati nel campo. Tuttavia, grandi gruppi di piante possono morire improvvisamente quando il fungo abbonda nel terreno e le condizioni sono propizie alla malattia.
Il fungo, che si conserva generalmente sui grappoli malati caduti per terra, penetra all'interno degli acini attraverso queste ferite, e si sviluppa dando il via all'infezione. Quindi si propaga ulteriormente e passa da un acino all'altro attraverso i peduncoli ed il rachide.
Gli acini colpiti assumono inizialmente una colorazione grigiastra. Successivamente perdono di turgidità e si ricoprono di numerose piccole pustole (che sono i picnidi del fungo). Infine disseccano e cadono.
Possono presentarsi dei sintomi anche sul rachide e sui tralci; depressioni allungate di colore grigiastro con bordi più scuri. Queste infezioni possono essere prevenute eliminando i residui a terra su cui si conservano le spore del fungo, e adottando forme d'allevamento che evitino il più possibile il contatto dei grappoli col terreno.