CallistoRegistrazione scaduta
SYNGENTA - Erbicida
11253
CALLISTO, erbicida di post-emergenza del mais dalle caratteristiche innovative, garantisce un’elevata efficacia contro numerose infestanti dicotiledoni ed è attivo anche contro alcune graminacee.
 
CALLISTO agisce prevalentemente per via fogliare, dove il prodotto viene assorbito e rapidamente traslocato nei tessuti in accrescimento e, in via complementare, anche per assorbimento radicale.
I sintomi sulle malerbe appaiono dopo 3-4 giorni e si manifestano come imbianchimenti, seguiti dal completo disseccamento delle infestanti.
 
-Il trattamento deve essere eseguito con mais in buono stato vegetativo, non applicare il prodotto su colture danneggiate da attacchi parassitari o sofferenti per il freddo, ristagni d’acqua o siccità.
-I geoinsetticidi a base di carbammati o fosforganici distribuiti in precedenza all’applicazione di CALLISTO possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais. 
-Gli insetticidi fogliari appartenenti alle categorie dei carbammati e dei fosforganici utilizzati in miscela con CALLISTO, possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais.
- Non impiegare il prodotto su mais dolce e su linee pure utilizzate per la produzione di mais da seme.

INFORMAZIONI MEDICHE
In caso di intossicazione, chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso. Consultare un Centro Antiveleni.

CARATTERISTICHE
CALLISTO è un erbicida selettivo di post emergenza del mais attivo contro numerose dicotiledoni ed alcune importanti graminacee. CALLISTO agisce prevalentemente per via fogliare, dove il prodotto viene assorbito e rapidamente traslocato nei tessuti in accrescimento, con un complementare assorbimento radicale. I sintomi sulle malerbe appaiono dopo 3-4 giorni e si manifestano come imbianchimenti, seguiti dai completo disseccamento delle infestanti.

CAMPO D'IMPIEGO
MAIS da 2 fino a 8 foglie.

DOSI D'IMPIEGO
0,5 - 1 l/ha sulle seguenti INFESTANTI DICOTILEDONI alto stadio da 2 a 4 foglie:

Infestanti sensibili
Abutilon theophrasti (Cencio molle), Amaranlhus spp. (Amaranto,), Bidens tripartita (Forbicina), Chenopodium album (Farinaccio), Datura stramonium (Stramonio), Papaver rhoeas (Papavero), Polygonum persicaria (Persicaria), Sinapis arvensis (Senape selvatica), Solanum nigrum (Erba morella), Sicyos angulata (Zucchino selvatico), Veronica persica {Veronica), Xanthium strumarium (Nappola minore).

Infestanti mediamente sensibili
Daucus carota (Carota selvatica), Galinsoga parviflora (Galinsoga), Kickxia elatine (Linaria elatine), Mercurialis annua (Mercorella). Phytolacca americana (Cremesina uva turca), Polygonum convolvulus (Convolvolo), Raphanus raphanistrum (Ramolaccio selvatico), Rumex crispus (Romice), Stellaria media (Stellaria).

La dose maggiore e indicata per il controllo di malerbe piu sviluppate.

In presenza di alcune piante INFESTANTI GRAMINACEE, usare il prodotto nei primi stadi di sviluppo delle piante infestanti (2-3 foglie) alia dose di 1,5 l/ha. Infestanti graminacee eliminabili dal Callisto o mediamente sensibili: Digitaha sanguinalis (Sanguinella), Echinochloa crus-galli (Giavone), Panicum spp. (Panico).
In presenza di infestanti dicotiledoni o graminacee non sensibili o di infestanti oltre lo stadio di sviluppo indicato si consiglia di miscelare CALLISTO alia dose di 0.5 - 0,75 l/ha con prodotti specifici*.
II trattamento deve essere eseguito con mais in buono stato vegetativo:
non applicare il prodotto su colture danneggiate da attacchi parassitari o sofferenti per il freddo, ristagni d'acqua, siccita.
CALLISTO si distribuisce impiegando volumi di acqua compresi tra 200 e 400 l/ha utilizzando pompe a media o bassa pressione ed ugelli a ventagiio, avendo cura di bagnare uniformemente le infestanti. Versare direttamente il prodotto nella botte gia parzialmente riempita di acqua o nei serbatoio di premiscelazione dell'attrezzatura. Portare quindi il liquido di irrorazione al volume stabilito mantenendo sempre in funzione I'agitatore. Non conservare nella botte la soluzione pronta per il trattamento (es. durante la notte).

AWERTENZE
-Non impiegare su linee pure utilizzate per la produzione di mais da seme e mais dolce.
-I geoinsetticidi a base di carbammati o fosforganici distribuiti in precedenza aN'applicazione di CALLISTO possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais.
-Gli insetticidi fogliari apparlenenli alle categohe dei carbammati e dei fosforganici utilizzati in miscela con CALLISTO, possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais.
-Durante il trattamento evitare sovrapposizioni di prodotto.
-Al termine della applicazione di CALLISTO e necessario lavare accuratamente rattrezzatura con una soluzione di acqua ed idoneo detergente.
-Dopo il trattamento, prima di rientrare in campo. attendere I'asciugatura della vegetazione.-
In caso di miscela con altri formulati, deve essere hspettato il periodo di carenza piu lungo. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali preschtte per i prodotti piu tossici. Oualora si verificassero casi di intossicazione. informare il medico della miscelazione compiuta.
-Nei caso di forzata risemina, e possibile riseminare mais.
-Divieto di impiego con attrezzature manuali.
-E' raccomandato I'uso di attrezzature a bassa deriva per limitare gli effetti negativi sugli artropodi non bersaglio.
-Per proteggere gli organismi acquatici hspettare una fascia di sicurezza non trattata di 5 metri da corpi idrici superficial!.

FITOTOSSICITA'
Alcuni giorni dopo il trattamento si possono manifestare sulla coltura alcuni sintomi transitori rappresentati da decolorazioni o imbianchimenti fogliari, che non hanno conseguenze sullo sviluppo e la produzione del mais. Il prodotto pud essere fitotossico per le colture non indicate in etichetta.
Attenzione: da impiegarsi esclusivamente in agricoltura.Ogni altro uso e pericoloso. Chi impiega il prodotto e responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato.

Proteggere dal freddo
Agitare bene prima dell'uso
Smaltire le confezioni secondo le norme vigenti
Da non applicare con mezzi aerei
DA NON VENDERSI SFUSO
Non contaminare altre colture, alimenti, bevande e corsi d'acqua
Non operare contro vento
Il contenitore completamente svuotato non deve essere disperso nell'ambiente
Il contenitore non pud essere riutilizzato
Non contaminare I'acqua con il prodotto o il suo contenitore. Non pulire il materiale d'applicazione in prossimita delle acque di superficie. Evitare la contaminazione attraverso i sistemi di scolo delle acque dalle aziende agricole e dalle strade.
PER EVITARE RISCHI PER L'UOMO E PER L'AMBIENTE SEGUIRE LE ISTRUZIONIPERL'USO

Cropsbbchnorma registrataIntervallo pre-raccolto
Mais, granoturco0 - 00.5 - 1.5-