CalarisRegistered until: 2021 M12 31
SYNGENTA - Erbicida
8028

Basato sulla Callisto Plant Technology, CALARIS è un erbicida di postemergenza dotato di elevata efficacia su tutte le più diffuse infestanti annuali a foglia larga. Grazie all’azione combinata e sinergica di Mesotrione e Terbutilazina, CALARIS esplica una rapida azione erbicida e controlla anche le infestanti non ancora emerse al momento del trattamento.

-CALARIS si distribuisce impiegando 150-400 l/ha di acqua; può essere applicato con irroratori a media o bassa pressione ed ugelli a ventaglio per assicurare un’uniforme distribuzione ed una buona copertura del bersaglio.
-Il trattamento deve essere eseguito con mais in buono stato vegetativo, non applicare il prodotto su colture danneggiate da attacchi parassitari o sofferenti per il freddo, ristagni d’acqua o siccità.
-I geoinsetticidi a base di carbammati o fosforganici distribuiti in precedenza all’applicazione di CALARIS possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais. Gli insetticidi fogliari appartenenti alle categorie dei carbammati e dei fosforganici utilizzati in miscela con CALARIS, possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais.
-Non impiegare il prodotto su mais dolce e su linee pure utilizzate per la produzione di mais da seme.
-Utilizzare guanti durante la fase di miscelazione, tuta e guanti durante l’applicazione.

INFORMAZIONI PER IL MEDICO

In caso di intossicazione, chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.

Consultare un Centro Antiveleni.

CARATTERISTICHE 
CALARIS è un erbicida selettivo di post-emergenza del mais attivo contrograminacee e dicotiledoni. Agisce per assorbimento attraverso il coleoptile el’ipocotile, assorbimento radicale e fogliare.

CAMPI D'IMPIEGO, EPOCA E DOSI DI APPLICAZIONE
Campo d’impiego:MAIS.
Epoca di applicazione:Post-emergenza con mais dalla 2a alla 8a foglia, su infestanti dicotiledoni neiprimi stadi di sviluppo (2-4 foglie vere), infestanti graminacee entro le prime 2foglie.

Dosi di applicazione:
POST-EMERGENZA: 1-1,5 litri per ettaro, con avvertenza di utilizzare la dose minore quando applicato in miscela ad un prodotto graminicida.

CALARIS si distribuisce impiegando 150-400 l/ha di acqua; può essere applicato con irroratori a media o bassa pressione ed ugelli a ventaglio per assicurare un’uniforme distribuzione ed una buona copertura del bersaglio.

INFESTANTI SENSIBILI
Abutilon theophrasti  (Cencio molle), Amaranthus retroflexus (Amaranto comune), Ammi majus (Visnaga maggiore), Chenopodium album (Farinaccio), Datura stramonium (Stramonio), Digitaria sanguinalis (Digitaria), Echinochloa crus-galli  (Giavone comune)(*), Mercurialis annua  (Mercorella comune), Polygonum convolvulus  (Convolvolo), Polygonum persicaria (Persicaria), Solanum nigrum  (Erba Morella), Sonchus asper  (Grespino spinoso), Stellaria media (Centocchio comune), Xanthium cavanillesii (Nappola).

(*) Infestante sensibile fino allo stadio di 2-3 foglie.

INFESTANTI MEDIAMENTE SENSIBILI
Poa trivialis  (Fienarola), Portulaca oleracea  (Erba porcellana), Setaria viridis(Setaria). In presenza di infestanti graminacee o dicotiledoni non sensibili si consiglia di miscelare CALARIS con prodotti specifici.

 AVVERTENZE
-Il trattamento deve essere eseguito con mais in buono stato vegetativo, non applicare il prodotto su colture danneggiate da attacchi parassitari o sofferenti per il freddo, ristagni d’acqua o siccità. 
-I geoinsetticidi a base di carbammati o fosforganici distribuiti in precedenza all’applicazione di CALARIS possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais.Gli insetticidi fogliari appartenenti alle categorie dei carbammati e dei fosforganici utilizzati in miscela con CALARIS possono interferire negativamente con il normale sviluppo del mais.
-Non impiegare il prodotto su mais dolce e su linee pure utilizzate per la produzione di mais da seme.
-Nel caso di forzata risemina è possibile riseminare mais.
-Versare direttamente il prodotto nella botte già parzialmente riempita di acqua o nel serbatoio di premiscelazione dell'attrezzatura. Portare quindi il liquido di irrorazione al volume stabilito mantenendo sempre in funzione l'agitatore.
-Non conservare nella botte la soluzione pronta per il trattamento (es. durante la notte).
-In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione, informare il medico della miscelazione compiuta.
-Subito dopo il trattamento effettuato con CALARIS è importante eliminare ogni traccia di prodotto dall’attrezzatura di irrorazione; lavare tutta l’attrezzatura con acqua pulita finché la schiuma e tutte le tracce di prodotto non sono state rimosse.
-Non entrare nell’area trattata prima che la vegetazione sia asciutta senza indossare indumenti protettivi.
-Adoperare guanti durante la fase di miscelazione, tuta e guanti durante l’applicazione.
-Rispettare una fascia di sicurezza non trattata, distante almeno 5 metri dai corpi idrici superficiali.
-Nelle aree definite vulnerabili, ai sensi del D.L.vo. 152/2006, impiegare ad anni alterni ed esclusivamente con interventi localizzati sulla fila di semina.

FITOTOSSICITÀ
Il prodotto può essere fitotossico per le colture non indicate in etichetta. Alcuni giorni dopo il trattamento si possono manifestare sulla coltura alcuni sintomi transitori come decolorazioni che non hanno conseguenze sullo sviluppo e la produzione del mais. Evitare la deriva del prodotto verso i campi adiacenti a quello trattato.

Attenzione: da impiegarsi esclusivamente in agricoltura. Ogni altro uso è pericoloso. Chi impiega il prodotto è responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Il rispetto delle predette istruzioni è condizione essenziale per assicurare l'efficacia del trattamento e per evitare danni alle piante, alle persone ed agli animali.

Da non applicare con mezzi aerei
DA NON VENDERSI SFUSO
Non contaminare altre colture, alimenti, bevande e corsi d’acqua
Non operare contro vento
Il contenitore completamente svuotato non deve essere disperso
nell’ambiente
Il contenitore non può essere riutilizzato
Non contaminare l’acqua con il prodotto o il suo contenitore.
Non pulire il materiale d’applicazione in prossimità delle acque di superficie. Evitare la contaminazione attraverso i sistemi di scolo delle acque dalle aziende agricole e dalle strade.

PER EVITARE RISCHI PER L’UOMO E PER L’AMBIENTE SEGUIRE LE ISTRUZIONI PER L’USO

Cropsbbchnorma registrataIntervallo pre-raccolto
Mais, granoturco0 - 01 - 1.5-